Rooftop rock

La prima festa rock del Salento

Sarà la prima vera festa rock salentina quella del prossimo 13 agosto a Maglie, un evento più unico che raro da non perdere per a al mondo.

Sarà una serata ricca di momenti “storici” che riecheggiano già nel nome, “Rooftop rock”. Infatti, si tratterà di un concerto sul “rooftop”, su una terrazza, quella della Caffetteria Capece in piazza Aldo Moro. L’idea non è certo nuova e non pretende di esserlo, poiché già i Beatles nel ’69 si esibirono sul tetto della loro casa discografica, la Apple, per 42 minuti, e gli U2 mutuarono l’iniziativa ai Fab Four replicando un’esibizione sul tetto nel 2005. Ma altrettanto straordinario sarà l’evento del “Rooftop rock” a Maglie, durante il quale si esibiranno i Venerdì 17 e i Morrison Hotel, due cover band, che posseggono un repertorio fondato sull’opera rispettivamente dei Pink Floyd e dei Doors. I Venerdì 17 e i Morrison Hotel sono due band tra le maggiormente rappresentative della nuova onda del rock salentino, nati entrambi da una passione che si è voluta tributare a questi due gruppi, resi immortali nella storia della musica. E proprio alla storia della musica mondiale saranno dedicati gli stand, situati tutt’intorno a piazza Aldo Moro, che “racconteranno”, attraverso libri, filmati, locandine e copertine, gli anni del rock e delle rivoluzioni sociali che esso ha saputo innescare. Per i fan dei Beatles, un’ulteriore chicca: a chi volesse trovarsi nei panni del gruppo “più famoso di Dio”, basterà posizionarsi dietro a una gigantografia dell’album “Sgt. Pepper’s lonely hearts club band”, dove i volti mancanti di John, Paul, George e Ringo, potrebbero essere sostituiti dai vostri. L’iniziativa è organizzata dall’associazione culturale magliese Iris Onlus, in collaborazione con il Comune di Maglie. Ingresso libero. Start ore 22,30. Per info: ufficio stampa Angela Leucci, tel. 3286624239, mail [email protected], blog http://blog.myspace.com/185573722.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!