In discoteca sì. Ma in bus

Il progetto della Provincia di Lecce

Le vittime della strada sono troppe. E di week end in week end la lista di nomi si allunga tristemente. La Provincia di Lecce ha presentato il progetto Disco in Bus. Ovvero, come divertirsi e non rischiare la vita sull'asfalto

“Divertiti da morire…ma scegli di vivere!”. E’ lo slogan della nuova campagna preventiva contro gli incidenti stradali promossa dalla Provincia di Lecce. Le vittime dell’alta velocità, della guida in stato di ebbrezza, dei colpi di sonno dopo una notte in discoteca aumentano di week-end in week-end. E così, per contenere le morti su strada, la Provincia di Lecce ha avviato un quadro di iniziative sulla sicurezza stradale, tra cui “Disco in bus”, progetto ideato da un gruppo di ragazzi salentini e approvato con la collaborazione del Silb, il Sindacato locali da ballo. Il progetto prevede per ogni sabato e domenica di agosto sei linee speciali di autobus che accompagneranno i giovani nelle discoteche in tutta sicurezza. Il servizio costerà da 3 a 5 euro (a seconda della lunghezza della corsa), che saranno, però, recuperate con l’acquisto del biglietto d’ingresso in discoteca: per chi usufruirà del servizio, infatti, il costo della prevendita servirà al pagamento del titolo di viaggio del bus. La rete di vendita dei biglietti coinvolgerà tutte le località in cui sono previste fermate dei bus e, per i ritardatari, ci sarà anche la possibilità di acquistare il biglietto a bordo del mezzo. Ma il disegno della Provincia non si ferma qui: il 20 per cento degli introiti ricavati dal progetto Disco in Bus sarà infatti destinato alla costituzione di un fondo per altri progetti sulla sicurezza stradale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!