Casarano. Tanti auguri don Gaetano

“La stima verso l’uomo si è dedicato a Cristo ed ai fratelli”

Serata di festa, venerdì scorso, a Casarano. Che ha celebrato il giubileo sacerdotale di don Gaetano Filograna, ordinato sacerdote nel 1957

Lo scorso venerdì è stata una giornata di festa per la comunità cattolica casaranese. Presso la parrocchia “Santi Giuseppe da Copertino e Pio da Pietrelcina” si è celebrato il giubileo sacerdotale di don Gaetano Filograna, che ha presieduto la messa della sera. Era il 27 luglio del 1957, infatti, quando don Gaetano venne ordinato sacerdote. Gli anni Sessanta furono per il prelato anni intensi quando iniziò un febbrile lavoro teso all’edificazione materiale e spirituale della parrocchia del “Sacro Cuore di Gesù”. In seguito, sempre durante la gestione di don Gaetano, la chiesa del “Sacro Cuore” subì una completa ristrutturazione edilizia fino alla configurazione attuale. L’attività sacerdotale di don Filograna è stata particolarmente rivolta verso il mondo dei giovani. Fu lui, per esempio, ad introdurre il primo gruppo degli scout in città; di lui, inoltre, si ricorda la collaborazione, negli anni Ottanta, con il gruppo di giovani che gestivano “Radio Diffusione”, una delle più note emittenti del Salento. Don Gaetano, tuttavia, non è rimasto inattivo in questo periodo. Dal 1993, infatti, è cappellano della Fondazione Filograna, dove ancora oggi continua ad alleviare le sofferenze e la solitudine degli anziani che lì trovano accoglienza. Per l’occasione, la parrocchia “Santi Giuseppe da Copertino e Pio da Pietrelcina” ha provveduto alla stampa di un opuscolo, curato da Salvatore e Adele Pino, che don Tommaso Sabato definisce “un segno di profonda stima e gratitudine verso un uomo che ha dedicato la vita al servizio di Cristo e dei fratelli”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!