Indagini per l’ex giunta Poli

Nei guai assessori e dirigenti

Abuso d’ufficio. Questo il reato che vede coinvolta l’ex giunta guidata da Adriana Poli Bortone. Estesi gli avvisi di conclusione delle indagini

Tutto il gruppo di assessori in carica dal 2002 e il 2003 e parte dei dirigenti di Palazzo Carafa è sotto inchiesta. Il motivo? Presunti favori per l’affidamento di lavori di manutenzione del verde nelle marine e di custodia delle pagodine natalizie a cooperative di ex detenuti. Non è più sotto inchiesta solo Salvatore Bianco, assessore indagato prima per associazione a delinquere di stampo mafioso e poi per questa vicenda. La Procura ha dunque deciso di estendere le indagini a tutto l’esecutivo guidato in quegli anni dall’ex sindaco di Lecce. In questi giorni dunque il pm Cataldi ha fatto recapitare gli avvisi di conclusione delle indagini alla signora Poli, a Paolo Perrone attuale sindaco di Lecce, a Piergiorgio Solombrino responsabile dell’ufficio tecnico di Palazzo Carafa, a Raffaele Attisani responsabile urbanistica, a Paolo Rollo ed agli assessori in carica cinque anni. Tutti indagati per abuso d’ufficio ma per Bianco, Ennio De Leo e Antonio Guido si aggiunge l’aggravante mafiosa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!