Omicidio Zuccalà. I responsabili

I carabinieri impegnati nelle ricostruzione dei fatti

La confessione di uno dei tre, il più giovane, appena 16enne, ha confermato ciò che le forze dell’ordine avevano supposto. Ma ancora restano dettagli e dinamiche da chiarire. Probabilmente due mani hanno compiuto l’omicidio

A soli 16 anni si ritrova addosso l’accusa di omicidio in concorso. Quella notte ha seguito gli amici, dopo la serata passata a bere. Poi lo scontro in aperta campagna, l’aggressione e Luigi Zuccalà, pastore di 62 anni, che cade per terra privo di vita. I carabinieri della compagnia di Lecce, che hanno coordinato le indagini, nelle quali sono state impegnate le stazioni di San Pietro in Lama e Galatina, così come il sostituto procuratore Ennio Cillo, non hanno ancora fornito una ricostruzione dettagliata dell’accaduto. Ancora cercano di stabilire le responsabilità materiali del gesto e se la fine della vicenda fosse stata programmata dal principio. Ma la confessione del minorenne hanno gettato maggiore luce su quanto avevano già supposto. Certo è che il 16enne si trovava lì, sul luogo dell’omicidio, con Ivan Carlino, 31 anni e Piero Mele, di 20. Diverse persone li hanno visti insieme, fra sabato 15 e domenica 16 luglio. Due sarebbero i coltelli usati, che però non sono stati ancora ritrovati, nonostante i continui sopralluoghi sul posto dove s'è consumato il delitto, la masseria Mascella, in territorio di San Pietro in Lama. Due, dunque, si può supporre, le mani che hanno agito. E per Luigi Zuccalà non c’è stato a da fare.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!