Auto-moto. Muore il centauro

Scontro sulla Carmiano-Leverano

A bordo della sua potente moto, ha invaso, a causa dell'alta velocità, la corsia opposta andandosi a schiantare contro un'Audi che viaggiava in direzione contraria. Ha perso la vita sul colpo

Sarebbe stata l’alta velocità, ancora una volta, la causa dell’ennesimo incidente avvenuto ieri mattina sulle strade salentine, i particolare sulla Carmiano-Leverano. Un impatto violentissimo, costato la vita a Luciano Esposito, 32enne di Magliano, frazione di Carmiano. L’uomo era alla guida di una potente Kawasaki Ninja e percorreva la via procedendo verso il suo paese, quando, in prossimità di una curva, ha invaso la carreggiata opposta, andando a urtare frontalmente contro un’Audi A4. Entrambi i mezzi hanno preso fuoco, i due occupanti dell’Audi, due giovani di Monteroni di Lecce (un militare della marina ed un’estetista, entrambi 29enni) sono riusciti ad uscire dall’abitacolo. Se la caveranno con ferite non gravi: la prognosi è di 15 giorni. Niente da fare, invece, per Esposito. A causa dell’urto, è stato sbalzato dalla moto, finendo nelle campagne. I primi a giungere sul posto sono stati i vigili del fuoco del distaccamento di Veglie, per spegnere le fiamme. E sono stati loro a togliere il casco dalla testa di Esposito e a constatare che era ormai privo di vita. I soccorritori del 118 non hanno potuto fare altro che prelevare il corpo per trasportarlo nella sala mortuaria dell’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. Sul posto, per i rilevamenti, e la ricostruzione della dinamica, i carabinieri della compagnia di Campi Salentina.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!