Fiamme al porto

Al lavoro vigili del fuoco e Capitaneria di Porto

Fuoco al porto di Torre Vado nella notte tra sabato e domenica. In fiamme un’imbarcazione, che è andata semidistrutta. Gli inquirenti non escludono il dolo ma, al momento, hanno poche prove che lo possano accertare

Ha preso fuoco nella notte tra sabato e domenica una imbarcazione ormeggiata nel porto di Torre Vado, la marina di Morciano di Leuca. Si tratta di un cabinato lungo 9,5 metri, che montava due motori a poppa di 140 cavalli ciascuno, che dopo la mezzanotte è stato avvolto dalle fiamme ed è andato semidistrutto. Solo il tempestivo intervento da parte dei vigili del fuco del distaccamento di Tricase ha impedito che le fiamme avvolgessero del tutto il motoscafo d'altura e che l’incendio raggiungesse le altre imbarcazioni ormeggiate nel porticciolo. Ma il pericolo è stato scongiurato solo in parte, perché l’incendio si è comunque spinto oltre l’imbarcazione per andare a intaccare, ma solo lievemente, un piccolo natante che si trovava attraccato nelle vicinanze. Sul luogo, oltre i vigili del fuoco, sono intervenuti i militari della Capitaneria di Porto di Santa Maria di Leuca, che ora stanno raccogliendo tutti gli elementi per risalire alla natura di quell'incendio. E nonostante i vigili de fuoco non abbiano trovato indizi che potrebbero ricondurre l’accaduto ad un’azione dolosa, restano ancora molti interrogativi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!