Borse di studio Erasmus

Riaperto il bando per le borse non assegnate

Ancora pochi giorni per poter richiedere una delle 332 borse di studio Erasmus

È aperto il bando di concorso per l’attribuzione di borse di mobilità studentesca LLP-Erasmus non assegnate per l’anno accademico 2007/08. Gli studenti interessati a concorrere all’assegnazione di una delle 332 borse residue dovranno presentare la domanda on-line collegandosi all’indirizzo internet http://unile.socratesmanager.it (“ingresso studenti”). Sul sito gli studenti troveranno: • le linee guida del bando Erasmus con tutte le istruzioni, anche operative, per chi desidera candidarsi; • copia del bando; • calendario dei tutor che si avvicenderanno per fornire informazioni presso l’ufficio mobilità internazionale (edificio Principe Umberto – viale Gallipoli, 49 – Lecce); • elenco delle borse disponibili e dei docenti responsabili degli accordi relativi; • indirizzi e-mail degli studenti che sono o sono stati ospiti delle varie università partner; • siti web delle differenti istituzioni; • elenco esami Erasmus riconosciuti negli ultimi cinque anni accademici suddivisi per area e destinazione. Le domande inviate on-line dovranno poi essere stampate e inviate (o consegnate a mano) al servizio posta dell’Università del Salento (edificio Principe Umberto – viale Gallipoli, 49 – Lecce) con i necessari allegati, entro e non oltre le ore 12.00 di mercoledì 11 luglio 2007, pena l’esclusione dal concorso. Farà fede la data di arrivo all'Università. Gli studenti che volessero essere aiutati nella compilazione della domanda on-line possono prendere un appuntamento inviando una e-mail all’indirizzo [email protected] (Kelly Serbati dell’ufficio mobilità internazionale) indicando il proprio recapito telefonico oppure telefonare ai numeri 0832/293566 e 0832/293214

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!