ALLA BUA. Il Saratambula Tour arriva nel Salento

Tutte le date dei concerti previsti nel Salento per l'estate 2007

Dopo il successo in Bulgaria, poi a Imola per il Festival della musica, e ancora Torino e Roma, il tour nazionale degli Alla Bua arriva finalmente nel Salento. Il concerto, previsto per domenica 24 giugno a Surbo, alle 21, in occasione della Festa dei sapori antichi, è la prima tappa salentina del pizzicato gruppo etnomusicale che sta incantando l'Italia e non solo con l'ultimissimo disco, Saratambula, che ne segna ampiamente la maturità artistica

IL DISCO Saratambula Dalla pizzica agli Alla Bua il passo è breve. Diverse, pero’, sono le influenze musicali – dal repertorio classico e contemporaneo al rock – che tracciano il profilo del loro nuovissimo disco, il quarto, intitolato Saratambula. A distanza di tre anni dall’ultimo album, Limamo (prodotto da Sony-Etnosphere), il pizzicato gruppo etnomusicale salentino torna con tredici brani dedicati ad antichi giochi e intricati scioglilingua impressi nella memoria degli adulti di oggi. E a Saratambula – che consisteva nel saltare a mo’ di cavallina sulle schiene piegate dei partecipanti in fila divisi in due squadre – ci giocavano proprio i ragazzi di una volta, sul basolato salentino, di notte. Così come bastavano cinque sassolini per giocare a Paddhi. Non mancano nell’album i tradizionali testi in griko dell’incantevole Kalinitta e di Aremu rondineddamu, interpretati dal chitarrista originario di Sternatìa Dario Marti. Storie di campagna, di lavoro e fatica si leggono nella pizzica di Senza Camisa, Nu Tuzzare e Taccaru e nel mini-valzer di Tristu Furese. Morbido l’intreccio tra oboe e flauto nella “pizzica strana pinsata de tramuntana” di Balla cu me. Intriganti melodie liberatorie e in ogni caso festose ritmano invece i testi rinnovati di Ninella e Cesarina: una pizzica accattivante che nasce e si fa in mezzo alla gente, come impone la tradizione degli Alla Bua. A concludere un disco tutto da leggere attraverso, Purginu, un frizzante brano-fotografia dell’atmosfera delle fiere del Salento. IL GRUPPO Gli ALLA BUA sono: Gigi Toma – tamburello e voce (Casarano) Primo Fiore Maggiulli – tamburello e voce (Collepasso) Pierpaolo Sicuro – flauti e ciaramella (Racale) Irene Toma, oboe e voce (Casarano) Cristian Calò – fisarmonica (Collepasso) Dario Marti – chitarra (Sternatìa) TUTTE LE DATE DEI CONCERTI NEL SALENTO GIUGNO – LUGLIO – AGOSTO 2007 24 giugno 2007 – Surbo (LE) – “Festa dei sapori antichi”, Zona Rene, ore 21:00; 07 luglio 2007 – Martignano (LE) – Sagra insalata Grika ore 23,00; 08 luglio 2007 – Ginosa Marina (TA) – Festa patronale ore 22:00; 14 luglio 2007 – Merine (LE) – Sagra Te Lu Ranu ore 22:30; 15 luglio 2007 – Cutrofiano (LE) – Festa della Pizzica P.zza Cavallotti ore 22:00; 20 luglio 2007 – Lequile (LE) – Birra in festa; 27 luglio 2007 – Poggiardo (LE) – Concerto; 28 luglio 2007 – Castrì di Lecce (LE) – Sagra “Marangiane in festa”, ore 23:00; 29 luglio 2007 – Matino (LE) – Festa dell'emigrante; 04 agosto 2007 – Melendugno (LE) – “Sagra tu purpu”, ore 23:30; 05 agosto 2007 – Alezio (LE) – Sagra, ore 23:00; 06 agosto 2007 – San Donaci (BR) – Sagra; 09 agosto 2007 – Felline (LE) – Sagra della polpetta ore 22:30; 10 agosto 2007 – luogo da stabilire – Notte della taranta; 11 agosto 2007 – Cannole (LE) – “Festa della municeddha” ore 23:30; 12 agosto 2007 – Collepasso (LE) – Festa dell'emigrante; Notte tra 14 e 15 agosto 2007 – Ugento (LE) – Notte della Pizzica, ore 2:00; 16 agosto 2007 – Torre Dell'Orso (LE) – Notte della pizzica, ore 23:30; 17 agosto 2007 – Torre Paduli (LE) – concerto; 01 settembre 2007 – Melissano (LE) – Piazza Garibaldi, ore 22:30; 02 settembre 2007 – Carpignano Salentino (LE) – “Festa te lu mieru” ore 23:30.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!