In treno e in bus. Il Salento parte

Tutti in viaggio sulla linea Lecce-Otranto

Appuntamento all'infopoint della stazione ferroviaria di Lecce. Ore 9. Sarà inaugurato oggi il servizio di trasporto pubblico extraurbano SALENTOinTRENOeBUS. Giuseppe Merico, assessore ai Trasporti e alla Mobilità illustrerà le novità di quest’anno

E’ in programma per oggi il viaggio inaugurale di SALENTOinTRENOeBUS, il sistema di trasporto pubblico extraurbano, che collega le principali località turistiche del Salento ed il suo entroterra, voluto e organizzato anche per l’estate 2007 dalla Provincia di Lecce, che sarà occasione per Giuseppe Merico, assessore ai Trasporti e Mobilità, per illustrare le novità. Per quest’anno è stata scelta la linea Lecce–Otranto. Il ritrovo è alle ore 9 presso l’infopoint della stazione ferroviaria di Lecce. La partenza è fissata per le ore 9.25 con il treno, con arrivo previsto ad Otranto ore 10.22. All’arrivo, un autobus condurrà presso l’infopoint allestito presso il punto di interscambio con le altre linee, alla presenza di Luciano Cariddi, sindaco di Otranto. Il ritorno a Lecce prevede la partenza da Otranto alle ore 10.50 con autobus e l’arrivo al capoluogo salentino alle ore 11.30. Saranno presenti anche Luciano Rizzo, direttore delle Ferrovie Sud Est e un rappresentante del Consorzio trasporti aziende pugliesi (Cotrap). SALENTOinTRENOeBUS è una rete integrata di 21 linee, di cui tre con corse “espresse” e integrate col treno, individuate da colori distintivi che identificano anche gli autobus e i treni in servizio sulla linea. Sono inoltre presenti ulteriori 14 linee di servizi ordinari circolanti nel periodo estivo. Il servizio sarà attivo fino al 30 settembre. Ogni fermata di SALENTOinTRENOeBUS è riconoscibile da apposita indicazione, sulle paline di fermata, di tutte le informazioni salienti. Il servizio è organizzato su fermate di interscambio principali, situate nei nodi di Lecce, Otranto, Torre dell’Orso, Porto Cesareo, Gallipoli, Maglie e Santa Maria di Leuca, che assicurano la stretta integrazione tra le linee, consentendo al turisti e residenti il raggiungimento della destinazione finale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!