Farmaco mortale. Condannato il medico

La sentenza del giudice

Prescrisse al paziente un medicinale al quale questi era intollerante, provocandone la morte. Viene condannato ad un anno di reclusione Elvino Oliva, medico di base di Surbo

Avrebbe provocato la morte di un paziente iniettandogli un farmaco a cui era allergico. La sentenza è stata emessa ai danni di Elvino Oliva, medico di 52 anni di Surbo, dal giudice monocratico della sezione distaccata di Campi. Il professionista è stato condannato ad un anno di reclusione, pena sospesa. I fatti risalgono al febbraio del 2003. Oliva, medico curante di Cosimo Caretto, era intervenuto per una visita domiciliare al termine della quale erano stati riscontrati dei sintomi di bronchite. Da qui la decisione di prescrivere al paziente il Rocefin da somministrare in via intramuscolare. E tanto nonostante Caretto fosse soggetto ad “intolleranza a Unasyn fiale endovenosa”, così come riportato sul libretto sanitario. E il Rocefin è un medicinale che appartiene allo stesso gruppo di antibiotici di cui faceva parte anche l’Unasyn. Per Caretto non ci fu scampo: morì a causa di un arresto cardiorespiratorio per shock anafilattico.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!