Decesso in corsia. Rinviati a giudizio

Malasanità al “Perrino” di Brindisi

Il processo partirà il prossimo 19 novembre. Gli otto indagati sono stati rinviati a giudizio. Dovranno rispondere di omicidio colposo, omissione di atti d’ufficio e abbandono di persona incapace

Sono stati rinviati a giudizio durante l’udienza preliminare che si è tenuta ieri davanti al giudice Antonio Sardiello gli otto sanitari dell’ospedale “Perrino” di Brindisi accusati di omicidio colposo, omissione di atti d’ufficio e abbandono di persona incapace. Il processo si aprirà il 19 novembre prossimo. Gli otto dipendenti dell’ospedale brindisino sono accusati dalla morte di un paziente, Salvatore Oliva, 75enne di Trepuzzi, deceduto il 16 giugno del 2004 in seguito ad un arresto cardiocircolatorio, mentre si trovava ricoverato nel reparto Rianimazione. Secondo la ricostruzione affidata ad alcuni periti da parte del giudice per le indagini preliminari Alcide Maritati, Oliva sarebbe stato abbandonato per oltre un’ora e mezza senza che nessuno verificasse le sue condizioni di salute. Solo il figlio Arturo, medico nello stesso ospedale, si sarebbe accorto della sua morte, alle 7.40 del giorno dopo. Il paziente, questa è la tesi dell’accusa, si sarebbe salvato se i medici avessero prestato soccorso tempestivi.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!