Andrano, da due a quattro vele

La città punta in alto

Salgono da due a quattro le vele che Legambiente ha assegnato quest’anno al Comune di Andrano. L’intento del sindaco è raggiungere, l'anno prossimo, le cinque vele. “Il risultato ottenuto è merito dell’impegno dell’amministrazione – ha commentato Giuseppe Accogli, sindaco -. Ma ora dobbiamo impegnarci come comunità”

Salgono a quattro le “vele” assegnate da Legambiente nella Guida Blu ad Andrano che si classifica terza in Puglia e 29sima in Italia tra le località turistiche costiere. La graduatoria di Legambiente tiene conto della qualità ambientale e dell’accoglienza, della pulizia del mare e delle spiagge, dei fondali marini costieri interessanti per chi pratica attività subacquea, dei servizi per i disabili, della capacità di attrarre il turista anche in funzione di centri storici da scoprire. L’aver promosso iniziative per migliorare la sostenibilità ambientale è ulteriore motivo di privilegio nella formazione della graduatoria finale. “Negli scorsi anni Andrano, unicamente in riferimento alla qualità ambientale, si vedeva insignita di sole due vele – ha dichiarato Giuseppe Accogli, sindaco di Andrano -. L’attuale salto di qualità premia senza dubbio la scelta dell’amministrazione di promuovere la città non solo attraverso la marina ma puntando a tutto il territorio, dai centri storici all’area parco, ed elaborando una strategia complessiva che migliorasse l’offerta turistica del Comune in coerenza con quelle che sono i criteri che Legambiente utilizza per assegnare le sue vele. Possiamo migliorare ancora – ha continuato -, dobbiamo farlo, vogliamo farlo ma non come amministrazione, bensì come comunità. Gli andranesi devono puntare alle cinque vele e alla Bandiera Blu. L’atteggiamento corale che si percepisce nell’affrontare la nuova stagione estiva che sarà ricca di appuntamenti di qualità e di iniziative per fare Andrano più bella e amabile è quello giusto per raggiungere questi nuovi traguardi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!