Uccise il marito con l’eroina

Il giallo di Taurisano

Aveva un amante e voleva vivere la sua storia d’amore liberamente. Così ha somministrato al marito una dose letale di eroina. L’uomo è morto nel sonno

L’unica ragione per la quale l’avrebbe ucciso sarebbe stata la volontà di vivere liberamente la storia d’amore con il suo amante. E così giusto un anno fa Lucia Bartolomeo, 32 anni, di Taurisano, si è macchiata di una grave colpa, quella di aver ucciso il marito, Ettore Attanasio, 36 anni, anche lui di Taurisano, somministrandogli una dose letale di eroina. Da allora i conti non sono tornati né ai familiari dell’uomo né all’intero paese che non ci ha visto chiaro. Qualche giorno dopo l’accaduto un uomo, l’amante della donna, si è presentato al Commissariato di Taurisano facendo leggere ai militari un messaggio che questa gli aveva mandato qualche giorno prima sul telefono cellulare e che faceva riferimento all’imminente morte del marito. Un anno di indagini si sono sbloccate solo ieri, quando i poliziotti hanno arrestato la donna con la pesante accusa di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione e dai motivi futili ed abietti consistiti nel desiderio di liberarsi della sua presenza. La Bartolomeo per giustificare la morte del marito nei giorni prima aveva fatto in modo di spargere la voce di una sua malattia: aveva detto in giro che Attanasio era affetto da un cancro ai polmoni che l’avrebbe portato di lì a poco alla morte. Ma della malattia dell’uomo non erano a conoscenza né il medico di famiglia né il medico del 118. Da questo dettaglio sono partiti i primi sospetti che hanno portato i militari ad indagare in profondità.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!