La destra: “Nardò è stanca di Vaglio”

Intervento dei politici di centrodestra

Secondo i responsabili politici della coalizione di centrodestra, Antonio Vaglio, sindaco uscente di Nardò e candidato per il centrosinistra al ballottaggio contro Rino Dell'Anna, non godrebbe più della fiducia della città. “Il voto del ballottaggio – dicono – lo proverà”

intervento dei responsabili politici della coalizione di centrodestra: “Il risultato del 27 e 28 maggio è positivo per la coalizione di centrodestra. Anche se le percentuali non sono state utili a vincere al primo turno, i dati generali confermano un fatto inequivocabile: l’attuale sindaco di centrosinistra non ha più la fiducia della città. I suoi numeri, infatti, non superano la metà più uno dei consensi. Dopo questa prima tornata elettorale, nella quale le scelte, in molte circostanze, sono state condizionate da clientelismi, ricatti, paure di eventuali controlli nell’espressione di voto e false promesse di tutte le specie, anche sottoscritte da amministratori in carica con l’avallo di garanti autorevoli, finalmente gli elettori potranno recarsi alle urne liberi di esprimere il proprio voto per l’elezione del sindaco. Data la semplice modalità di voto, infatti, le probabilità di errore, legate molto spesso alla maliziosa interpretazione in sede di scrutinio, saranno ridotte ai minimi termini. Questo ci fa ben sperare che i cittadini possano scegliere il loro sindaco sulla base di una serena valutazione dei programmi presentati dai candidati e non per altro. La coalizione di centrodestra, che in maniera coesa e unita ha affrontato la prima consultazione del 27 e 28 maggio, sosterrà alla stessa maniera e, anzi, con ancora maggior convinzione e vigore, il candidato sindaco Rino Dell’Anna nel ballottaggio. Il nostro auspicio, che è anche quello di molti elettori, come si evince dalle preferenze attribuitegli, è che Dell’Anna possa diventare sindaco grazie al voto libero e forte di tutti quei cittadini stanchi di Vaglio e della sua amministrazione”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!