Gallipoli. Varo definitivo per il Progetto ILMA

A settembre iniziano i lavori

La struttura dotata di day hospital, centro ricerche e centro documentazione fortemente voluta dalla Lega contro i tumori di Lecce ha ottenuto l'approvazione definitiva grazie al voto unanime in consiglio comunale. Presto al via i lavori

Il consiglio comunale dei giorni scorsi ha espresso voto unanime sul Centro “Ilma”. A distanza di sei mesi dalla prima votazione da parte dello stesso consiglio, si è chiusa la fase propedeutica alla realizzazione di una struttura fortemente voluta dalla Lega contro i tumori di Lecce, con il suo presidente Giuseppe Serravezza in prima linea. Il Centro sorgerà su un lotto di terreno di circa 7 ettari situato sulla strada provinciale Gallipoli-Alezio, ad est dell’ospedale civile. Si tratta di una struttura polivalente – il progetto firmato dall’architetto Francesco Fuzio, è stato redatto con la collaborazione dell’Università degli studi del Salento e del Politecnico di Bari – riunirà diversi servizi: un centro di prevenzione clinica e di riabilitazione dei malati oncologici, un hospice con 15 posti letto per malati terminali, un centro di studi e ricerche oncologiche con annesse aree didattiche e biblioteca aperta al pubblico e un auditorium. I lavori partiranno nel mese di settembre prossimo, non appena saranno espletate le procedure per gli appalti. Intanto un assessore del comune di Gallipoli, che vuole restare nell’anonimato, ha deciso di devolvere la propria indennità mensile alla realizzazione del Centro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!