Follow the money

“Segui il denaro”, diceva Giovanni Falcone. Seguire il flusso finanziario per risalire alla provenienza illecita dei capitali, anche se ‘ripuliti’. Ricostruire la mappatura del business collegato all’impresa mafia. In Italia diventa questa un’attività sempre più urgente per la magistratura e per tutti gli inquirenti. E questo al Nord come al Sud. Lo dimostrano i primi risultati dell’inchiesta sulle scommesse clandestine che analizziamo in questo numero e che vede il Salento rivestire un ruolo centrale nell’organizzazione criminale e mafiosa che espande le sue fitte maglie su tutto il territorio italiano ed internazionale. Secondo i dati riportati nel XII rapporto “Sos imprese” realizzato da Confesercenti (e presentato nel gennaio 2010) la mafia è la prima “impresa” su scala nazionale. Traffico di droga, estorsioni, attività imprenditoriale, ecomafie, racket, usura, prostituzione creano un fatturato complessivo che nel 2009 ha raggiunto i 135 miliardi di euro ed un utile che ha sfiorato i 70 miliardi al netto di investimenti e accantonamenti. Dalla filiera agroalimentare, dai servizi alle imprese e alla persona, dagli appalti alle forniture pubbliche, al settore immobiliare e finanziario la presenza criminale si espande e le conseguenze sono ancora pesanti per gli imprenditori: 1300 reati al giorno, 50 all’ora, quasi uno al minuto. Seguire il denaro diventa sempre più difficile, anche se gli uomini e gli strumenti per farlo si specializzano sempre più. Diventa difficile perché si tratta di organizzazioni veloci, flessibili, che si avvalgono di professionisti intelligenti e competenti che riescono a veicolare il denaro in maniera sempre più sotterranea. Come in tutte le organizzazioni mafiose però c’è un anello e solo quello, oltre all’efficace azione della magistraturae degli inquirenti, che può rompere la catena, ed è l’antimafia sociale. Perché se le organizzazioni criminali hanno bisogno di coinvolgere alcuni strati della società per portare a termine i loro affari, di conseguenza sono i singoli cittadini che possono bloccare il flusso di denaro. Come? Semplice: che scommessa è se nessuno fa la ‘puntata’?

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment