Gallipoli. Paura per il sottosuolo

Nuovo cedimento nella città ionica

Pronti interventi per la buca che si è aperta ieri nel centro storico della città bella. Ma la gente ora si interroga sullo stato di salute del sottosuolo gallipolino.

Anche se per dimensioni non è neppure paragonabile a quella che si è aperta in via Firenze, la crepa di via Zacheo, nel centro storico di Gallipoli, non va sottovalutata. Anche se non ci sono stati danni a persone né alle abitazioni, i cittadini hanno paura e si interrogano sull’effettivo stato di salute della città bella. La questione della morfologia del sottosuolo gallipolino ora va analizzata in modo dettagliato. La comunità deve fare i conti, infatti, da 40 giorni a questa parte, con una dura prova da superare. C’è da dire, però, che già 24 ore dopo il piccolo cedimento di via Zacheo la situazione era sotto controllo. Come hanno raccontato alcuni residenti nella zona, già nella stessa giornata di domenica sono intervenuti sia i Vigili del fuoco sia la Polizia municipale per transennare e recintare l’area e, nel frattempo la buca è stata tamponata da un coperchio di fortuna in metallo su cui è stato posizionato un masso.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!