Maggiore attenzione a Casarano per l'agroalimentare!

Lo Studio stea richiede maggiore attenzione per l'agroalimentare di Casarano

Lo Studio agronomico Stea, nella figura del suo responsabile Dr. Antonio, ci scrive una lettera in cui richiede una maggiore attenzione nei confronti dell'agroalimentare casaranese e lancia a titolo gratuito un'idea progettuale per promuvere il prodotto olio di oliva a Charleoi, città belga con cui Casarano è “gemellata” e dove non esiste alcun albero di olivo.

E' di questi giorni la proposta da parte di Cia Casarano di ridurre l’Ici per i fabbricati destinati alla trasformazione delle nostre olive, mi congratulo per la proposta, ma a nostro parere è poco rispetto a ciò che si potrebbe fare nei confronti di un settore che ha vari ed importanti risvolti, non solo per l'aspetto produttivo, ma anche sociale ed ambientale. Le nostre aziende agro-alimentari hanno bisogno di proposte valide e innovative; gli sforzi compiuti fin ora per cercare di dare sostegno alle imprese agricole non bastano. Altre volte ho ribadito ad esempio come lo sportello dell’agricoltura a Casarano (un pò come in tutti i comuni salentini) è concepito, nel modello attuale, come vecchio ed obsoleto e necessita di una rivisitazione generale e soprattutto attualizzata. Il mio Studio non vuole criticare ciò che è stato realizzato fin’ora, ma sottolinea come gli sportelli agricoli devono abbandonare una vision antica e fornire ai nostri imprenditori piccoli o grandi che siano informazioni attualizzate. Informazioni non solo nell’ottica delle moderne tecniche di gestione agronomica, che non si esplicitano di certo in un corso di poche ore, o nell’assistenza per la realizzazione della domanda unica di pagamento (DPU) 2007 oramai alle porte, ma anche nell’indicare quei comparti in cui si potrebbe investire, un esempio ne è la produzione di ortaggi e frutta di IV gamma (comparto dell’ortofrutta in forte crescita), o dare le linee di indirizzo di probabile marketing dei prodotti e quindi territoriale, o ancor più far comprendere quale sia l’importanza della certificazione dei prodotti per poter conquistare un nuovo acquirente e poterlo fidelizzare. Guardare a 360 gradi è d’obbligo nel settore dell’agricoltura in un territorio come il nostro in cui esistono punti di debolezza, ma anche tante potenzialità ancora inespresse ed aziende, ancora poche, di elevata caratura. Rimango poco convinto dell’efficacia di alcune idee realizzate a Casarano, quale ad esempio l’iniziativa “AgriIucundi” (ha un impatto quasi o realizzare una manifestazione del genere in un periodo in cui di turisti non se ne vedono), invece vorrei fornire a titolo gratuito una proposta studiata dal mio gruppo di lavoro che potrebbe essere utilizzata per il marketing nel settore oleicolo. La nostra Città ha realizzato da anni un gemellaggio con la città belga di Charleroi, lì dove non esiste un benché minimo albero di olivo e dove la cultura dell’alimentazione mediterranea, con l’olio di oliva principe indiscusso, è in forte diffusione; questo gemellaggio deve avere a nostro avviso un’ applicazione anche nel settore agroalimentare. Occorre favorire con grinta ed efficacia, mediante progetti ad hoc, la promozione dei nostri prodotti ed in particolare dell’olio di oliva in un territorio amico come quello di Charleroi in cui la domanda in olio di oliva di qualità è in crescita (dati ICE), sfruttando i canali già esistenti e le iniziative realizzate con questa città belga da parte di questa amministrazione in altri settori. Questa è solo un esempio delle iniziative (a basso costo) che potrebbero essere prese in considerazione ed attuate per dare sostegno costante alle nostre aziende agricole in materia di marketing ed altre ancora volte ad incentivare la qualità delle produzioni agricole, perché solo con la qualità potremmo dare alle produzioni di questo territorio un carattere di distintività imprescindibile per istradarle in un mercato oramai globalizzato. Il nostro Studio suggerisce anche la realizzazione a Casarano di un tavolo tecnico permanente aperto e formato dai dirigenti territoriali delle associazioni (Confagricoltura, Cia, Coldiretti), da una rappresentanza di tecnici del nostro territorio, dagli operatori del settore agroalimentare ed amministratori al fine di favorire un dialogo ancora ad oggi quasi inesistente tra le varie parti in un territorio dalle ampie possibilità. La presente non vuole essere una critica, ma un incentivo per aumentare l’attenzione nei confronti del nostro comparto agro-alimentare. Studio Stea Resp. Dr. Agr. Antonio Stea Via Lupo 22/a Casarano Sede territoriale CAA Confagricoltura www.studioagronomicostea.com

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!