Poli :”Niente licenziamenti in Lupiae”; Salvemini: “Bugie”

Promesse e smentite sul futuro dei lavoratori alla Lupiae servizi

Adriana Poli Bortone, sindaca di Lecce, ha incontrato ieri i sindacati, assicurando che nessun lavoratore alla Lupiae perderà il posto. Carlo Salvemini, consigliere De, ha smentito le sue parole

Adriana Poli Bortone, sindaca di Lecce, ha incontrato questa mattina i rappresentanti delle sigle sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs Uil e Ugl Terziario per affrontare la situazione occupazionale dei dipendenti della società “Lupiae Servizi”. Il primo cittadino ha rassicurato i sindacati sul futuro del personale della società mista. “Ad ogni campagna elettorale dobbiamo fare i conti con le gravi speculazioni della sinistra che riguardano i lavoratori – ha evidenziato – ma ho spiegato ai sindacati che su questo punto gli impegni dell’amministrazione comunale restano immutati. Ogni posto di lavoro alla Lupiae sarà assolutamente salvaguardato”. Sull’argomento è intervenuto Carlo Salvemini, consigliere comunale dei Ds, che ha smentito quanto affermato da Poli Bortone. “Come sempre quando si parla di Lupiae – ha detto – sono i fatti che si assumono il compito di separare verità e bugie. E’ partita nei giorni scorsi, infatti – ha continuato -, a firma dell’ex amministratore Giorgio Fanelli, la lettera con la quale si comunica all’interessato l’interruzione del rapporto di lavoro poiché è cessato il servizio di notifica. A questo punto, nuovi licenziamenti sono concreti. Ci sono – ha concluso Salvemini – altri 13 notificatori, assunti con contratto a tempo indeterminato che rischiano di essere mandati a casa”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!