Sicuri da casa a scuola

Grande partecipazione di ragazzi al concorso indetto dalla Regione

La Regione ha chiesto: “Crea il tuo percorso”. E gli studenti hanno elaborato progetti che individuano percorsi sicuri casa-scuola. Dando ai Comuni il ruolo di primi interlocutori per la redazione delle proposte

Si è tenuta a Bari la manifestazione di presentazione delle proposte progettuali presentate dagli istituti scolastici di Puglia relativa al concorso indetto dall’assessorato regionale dei Trasporti “Crea il tuo percorso”. Erano presenti alla cerimonia Mario Loizzo, assessore regionale ai Trasporti, oltre ai sindaci e ai rappresentanti degli istituti scolastici. I progetti presentati dalle scuole sono in tutto 72, distribuiti su circa 50 Comuni. Bari è stata la provincia più attiva, seguita da Lecce, Taranto, Foggia e Brindisi. I progetti individuano dei percorsi casa-scuola sicuri per gli alunni, coinvolgono tutti i soggetti pubblici e privati insistenti su un territorio. Da un’analisi complessiva degli elaborati i Comuni risultano i primi interlocutori con cui gli istituti scolastici si sono interfacciati per redigere i progetti. Anche durante il percorso progettuale ci sono stati incontri con gli amministratori finalizzati all’acquisizione da parte degli studenti di dati e informazioni sul proprio territorio. “La partecipazione è stata ampia e inaspettata – ha commentato Loizzo -; avevamo previsto premi di. 10mila euro per i primi 18 progetti classificati, ma abbiamo apprezzato la sensibilità e l’attenzione dimostrate e la creazione di forti reti che si sono costituite sui territori per dar vita agli stessi, per cui abbiamo premiato altri 33 progetti con 7mila euro e 21 progetti con 5mila euro. Ma l’impegno sul tema sicurezza stradale continua – ha aggiunto -; infatti sono stati stanziati 6 milioni di euro per i Comuni e le città che rientrano nel piano Urban”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!