Sanità. Perrone: “Vendola, solo promesse”

Il candidato primo cittadino di Lecce promette impegno nella sanità

Paolo Perrone, candidato sindaco al Comune di Lecce per il centrodestra, ha incontrato Ferruccio D’Amore, presidente del Tribunale dei diritti del malato, per “rimettere – ha spiegato – il paziente al centro dell’attenzione”

“Molto rumore per a: dopo due anni di amministrazione regionale da parte del centrosinistra, a è infatti cambiato in materia di liste d’attesa per le prestazioni sanitarie, anzi: il disagio dei cittadini è aumentato. Mentre noi intendiamo lavorare per rimettere il paziente al centro dell’attenzione”. Paolo Perrone, candidato sindaco del centrodestra al Comune di Lecce, ha incontrato martedì scorso Ferruccio D'Amore, presidente del Tribunale dei diritti del malato, nella sede di “Cittadinanza attiva”. Ad accompagnare Perrone, Alfredo Pagliaro, assessore comunale all'Igiene e Sanità pubblica, e Antonio Pellegrino, segretario cittadino di Forza Italia. “La campagna dell’allora candidato presidente alla Regione, Nichi Vendola, si basò quasi interamente sui problemi della sanità e sul disagio, per i pazienti, di liste d’attesa di mesi, anche per esami diagnostici semplici. Sono passati due anni, ma a è cambiato. Anzi, si rasenta l’emergenza vera e propria: per un elettrocardiogramma – spiega Perrone – la media nazionale dei tempi di attesa si attesta sui 42 giorni, mentre qui da noi si parla addirittura di quattro o cinque mesi. Serve allora un’incisiva attività di coordinamento tra gli enti preposti alla salute pubblica, e soprattutto creare le condizioni per un dialogo continuativo e proficuo tra amministrazioni e utenti del servizio sanitario, cioè i cittadini. Ecco il senso dell'incontro con il referente di ‘Cittadinanza attiva’ – continua il candidato sindaco – ed altri ne seguiranno, con in mente proprio questo obiettivo: una sanità che consideri prima di ogni cosa i diritti del malato”. Per questo l'amministrazione comunale di Lecce, spiega l’assessore Pagliaro, “ha fortemente voluto il progetto ‘Lecce città sana’, che insieme all'Osservatorio socio-sanitario si propone il monitoraggio puntuale delle disfunzioni del settore. Il fine ultimo sarà lavorare con le associazioni socio-sanitarie, l'assessorato, l'Ausl per creare sinergie operative capaci di garantire al cittadino prestazioni sanitarie rapide ed efficaci”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!