Tutti parlano di Lamarque

Il Salento fa scuola

La ex conceria di Maglie diventa esempio da seguire anche nel resto d’Italia. Nella città di Solfora, in provincia di Avellino, guardano al Salento per la realizzazione di un museo conciario

La case history dell’ex Conceria Lamarque di Maglie continua a riscuotere successo, tant’è che ora se ne parla anche a Solofra, un paese in provincia di Avellino divenuto centro internazionale delle pelli. Nel mensile “Solofra Oggi” si cita Maglie, come un esempio da seguire nella realizzazione di un museo conciario proprio a Solofra, importante polo dell’industria conciaria in Italia. Si pensi che nel 1919 nasceva lì la prima “Lega Pellettieri” e da allora c’è stato un incremento continuo e costante delle dimensioni e numero di aziende fino agli anni ’60, quando l’industria conciaria solofrana assurse a modello di economia periferica, caratterizzata da transazioni internazionali che puntavano sull’alta qualità del prodotto e sui prezzi contenuti. Proprio a Solofra, nel rione “Toppolo”, si parla da tempo dell’apertura di un museo conciario, ma ancora oggi è tutto bloccato. “Solofra Oggi” scrive: “E’ obbligatorio che venga realizzato nel contesto del predetto rione storico, sulla scia di un’iniziativa intrapresa a Maglie, importante centro in provincia di Lecce, nonché patria dello statista Aldo Moro. Infatti, l’agenzia Orione ha ristrutturato l’ex conceria “Lamarque”, per realizzare un museo permanente, aperto al pubblico e alle scuole, al fine di far conoscere l’arte della concia. In tal modo, si mantiene vivo il cordone ombelicale tra le varie generazioni, per far si che il futuro dei giovani scaturisca dalla sintesi con il passato”. Info: LAMARQUE – 0836 424282 – [email protected] – www.lamarque.it

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!