Misura 5.3 si procede

Sabato 20 gennaio l’incontro con i beneficiari della misura 5.3 per la firma delle convenzioni

Misura 5.3: il comune di Lecce sostiene la piccola impresa in ambito urbano

Attraverso la Misura 5.3 azioni formative e piccoli sussidi e sostegno alla piccola impresa in ambito urbano (de minimis): Por Puglia 2000/2006 l’amministrazione comunale di Lecce ha approntato interventi a sostegno dell’imprenditorialità in ambito urbano all’interno di un percorso integrato di formazione all’imprenditorialità e di sostegno alle attività economiche (anche sostenendo la promozione dell’economia sociale). Le linee di intervento attivate sono quattro: la prima prevede il sostegno per la creazione di piccole imprese, la seconda incentivi per le assunzioni, la terza riguarda progetti di formazione e creazione di nuove imprese, la quarta (denominata work experience) è dedicata ai giovani laureati nel settore delle discipline umanistiche e dei beni culturali. Lo scorso 4 dicembre è scaduto l’ultimo termine di presentazione delle domande di candidatura per l’accesso ai finanziamenti previsti da questa Misura. Si è conclusa con successo, pertanto, l’azione di supporto tecnico informativo fornita dalla Struttura di Gestione della Misura 5.1 a beneficio dei potenziali investitori, che ha contribuito a raggiungere il significativo traguardo di oltre 90 proposte di candidatura ricevute sulle quattro linee di intervento. Dai numerosi quesiti pervenuti all’amministrazione comunale attraverso i canali di comunicazione messi disposizione dal Front Office della Struttura di Gestione della Misura 5.1 (Call center, newsletter, consulenza diretta, e-mail), si è riscontrato un forte interesse da parte della piccola imprenditoria locale e degli enti di formazione accreditati in provincia di Lecce ad intraprendere nuove attività imprenditoriali nelle aree bersaglio indicate dal bando, a sfruttare gli incentivi all’occupazione per l’inserimento di nuovi assunti (sono stati previsti circa 80 nuove assunzioni a tempo indeterminato), a progettare iniziative di formazione e di creazione di nuove imprese (è previsto lo start-up di 20 nuove imprese operanti nei settori dell’economia sociale, dei servizi connessi alla fruizione dei beni ambientali e culturali, dei servizi creativi e innovativi anche attraverso l’utilizzo nelle nuove tecnologie), ad attivare work experience per la valorizzazione dei beni culturali cogliendo l’opportunità del finanziamento a fondo perduto messo a disposizione dall’amministrazione comunale nell’ambito del Programma Operativo Regionale 2000/2006. Al fine di illustrare e chiarire le procedure di implementazione, gestione delle proposte ammesse a finanziamento e di procedere alla firma delle Convenzioni, i beneficiari della misura hanno partecipato ad un incontro che si è tenuto presso la sede dell’ex Convento dei Teatini sabato 20 gennaio. All’incontro sono intervenuti Adriana Poli Bortone, sindaco di Lecce, Paolo Perrone, vicesindaco e assessore con delega alla Misura 5.1 (e misure collegate), Fausto Giancane, assessore alle attività produttive e sviluppo economico, Piergiorgio Solombrino, dirigente del settore lavori pubblici e coordinatore del programma ed i componenti della Struttura di Gestione della Misura 5.1 e collegate 5. 3 e 4.17.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!