Nuovi sportelli per gli immigrati

La provincia di Lecce istituisce nuovi sportelli provinciali per i diritti dei cittadini immigrati:

La Provincia di Lecce istituisce, in sette comuni salentini, nuovi sportelli provinciali per i diritti dei cittadini immigrati. Al via le selezioni per la scelta delle associazioni no-profit che si occuperanno del servizio

La Provincia di Lecce intende attivare lo “Sportello dei Diritti e Servizi Immigrazione” nei Comuni di Alessano, Copertino, Cursi, Galatone, Surbo, Trepuzzi e Veglie. L’iniziativa, in questa prima fase, sarà avviata in via sperimentale ed avrà la durata di quattro mesi. A tal proposito la Provincia di Lecce ha diffuso un avviso pubblico per scegliere un’associazione no-profit che dovrà mettere a disposizione un’unità di personale per ognuno dei sette comuni interessati. Tutte le associazioni interessate dovranno inviare istanza all’Ufficio Archivio e Protocollo della Provincia di Lecce (via Umberto I, 15) con raccomandata entro e non oltre il 7 febbraio p.v.. Sulla relativa busta andrà trascritta la dicitura “Avviso pubblico per il funzionamento dello Sportello Dei Diritti e Servizio Immigrazione”. L’assessorato “Tutela dei diritti e cittadinanza attiva” formulerà, quindi, una graduatoria assegnando alle associazioni dei punteggi in base ad alcuni criteri precisi: un punto per ogni anno di attività, cinque alle associazioni di altrettanti soci, dieci punti a quello con più di cinque soci e fino a dieci per il curriculum, che sarà valutato dall’assessorato, con particolare riferimento alle attività svolte nel settore della tutela dei diritti. L’associazione prescelta, quindi, sarà incaricata di assegnare allo Sportello di ognuno dei sette Comuni interessati all’iniziativa un’unità di personale che svolgerà attività di mediatore culturale. Per ogni ulteriore chiarimento le associazioni potranno rivolgersi al Servizio “Tutela dei Diritti e Cittadinanza Attiva” della Provincia di Lecce ai seguenti numeri telefonici : 0832- 683592 – 683512.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!