Lidi sequestrati a Gallipoli. Ma sono legittimi

Nessun abuso edilizio. I lidi di Gallipoli sono in regola

Il Tribunale di Lecce dà ragione ai proprietari dei lidi sequestrati a Gallipoli. E sospende l’ordinanza di demolizione degli stessi emessa prima dell’estate dal Comune

Sono legittimi e non commettono alcun abuso edilizio gli stabilimenti balneari sul litorale gallipolino. Lo ha stabilito il Tribunale penale di Lecce, sezione distaccata di Gallipoli (giudice Michele Toriello) accogliendo le difese rappresentate dagli avvocati Gianluigi Pellegrino, Francesca Conte e Federico Pellegrino. Il procedimento penale era partito proprio alle porte dell’estate con una serie di sequestri su tutti gli stabilimenti balneari, sui quali il Comune aveva emesso ordinanze di demolizione. Su ricorso del Tar proposto da Gianluigi Pellegrino, però, tali ordinanze sono state sospese mentre in sede penale i legali hanno ottenuto la revoca del sequestro, consentendo di fatto l’attività degli stabilimenti già dalla prossima stagione estiva.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!