Quando il dolce è firmato

L’iniziativa di Confartigianato per garantire i sapori di una volta

“Dolce in Salento” è il primo marchio collettivo salentino e rappresenta la garanzia di acquistare pasticceria preparata secondo la vera tradizione del territorio. L’idea è partita dall’associazione Pasticceri Salentini di Confartigianato Lecce

Il vero pasticciotto leccese, il vero rustico, la vera “cupeta”. La vera tradizione dolciaria salentina è ora garantita dal marchio “Dolce in Salento”, promosso dall’associazione Pasticceri Salentini di Confartigianato Lecce. Il marchio garantisce infatti l’utilizzo degli ingredienti “giusti” nella preparazione di prodotti artigianali tipici che si tramandano di generazione in generazione. “Il marchio collettivo ‘Dolce in Salento’ – spiega Luigi Derniolo, presidente dell’associazione – è il primo marchio collettivo registrato nel nostro territorio, ed ha per scopo la promozione e la valorizzazione della tradizione dolciaria del Salento, e con la collaborazione di Confartigianato mira ad avviare azioni concrete per la rintracciabilità e la sicurezza alimentare, la diffusione della cultura della qualità e la salvaguardia ambientale”. Per il rilascio del marchio, l’associazione pasticceri salentini si avvale della collaborazione della Camera di commercio di Lecce come organismo di controllo e della Commissione marchi quale responsabile della concessione d’uso del marchio. Molto rigidi i requisiti che gli operatori devono possedere per ottenerne la licenza d’uso, e cioè: l’iscrizione al Registro imprese della Camera di commercio, lo svolgimento di attività di produzione, manipolazione, trasformazione o lavorazione del prodotto tradizionale, e il superamento dei controlli effettuati dalla stessa Camera. I prodotti per i quali può essere concesso l’uso del marchio sono quelli che rientrano nella tradizione dolciaria salentina inclusi nell’Elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali (Decreto MIPAAF 10 luglio 2006). Si tratta di: africano, bocca di dama, buccunottu gallipolino, cartellate, cuddhura, cupeta, dita degli apostoli, dolcetto della sposa, dolci di pasta di mandorla, fruttone, mustazzueli nnasprati, pasticciotto leccese, pesce o agnello di pasta di mandorla, pistofatru, purceddhuzzi, zeppola salentina, rustico leccese e marzapane. In questo Elenco tutti i prodotti sono descritti in una scheda che ne riporta la descrizione, il territorio interessato, le metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura, i materiali e le attrezzature, la descrizione dei locali di lavorazione, conservazione e stagionatura, gli aspetti relativi alla sicurezza alimentare, la richiesta di deroga alla normativa igienico-sanitaria. L’operatore in possesso della licenza d’uso del marchio assume l’obbligo di osservare fedelmente quanto prescritto nella scheda identificativa del prodotto (disciplinare di produzione), di assoggettarsi alle verifiche dell’organismo di controllo, di mantenere inalterate le condizioni che hanno permesso il rilascio della licenza d’uso del marchio, di utilizzare il marchio esclusivamente per il prodotto per il quale è stata rilasciata la licenza d’uso, di utilizzare il marchio, senza apportare alcuna modifica, esclusivamente su confezioni dei prodotti assoggettati a controllo.

[Ecco l’elenco delle pasticcerie che garantiscono, attraverso l’uso del marchio, la vera tradizione dolciaria salentina: Eros Bar di Luigi Derniolo (Galatina), Pasticceria Maggio Quintino (Alliste), Pasticceria di Perrone Giuseppe (Carmiano), Pasticceria De Masi (Cavallino), Pasticceria Dolci e Dintorni snc di Salvatore Marzano e Massimiliano Baglivo (Galatina), Pasticceria Nuovo Fiore di Antonio Cuna (Galatina), Pasticceria Danny di Danilo Lucia (Lecce), Antica Pasticceria Cavalieri di Mario Cavalieri (Lecce), Pasticceria La Mimosa di Maurizio Nocera (Leverano), Pasticceria Rosticceria Antonio Rizzo (Maglie), Pasticceria Pippi Toma (Maglie), Pasticceria Tamborino Francesco & Fratelli snc (Maglie), Pasticceria Vergari di Fabio Vergari (Monteroni), Pasticceria Arte Bianca di Antonio Campeggio (Parabita), Dolci Fantasie di Antonio Catamo (San Cassiano), Pasticceria A.C. Dolce Vita di Antonio Cogli (Uggiano La Chiesa), La Cotognata Leccese (Lecce), Pasticceria Gelateria Dentoni snc di Clelia Panarese (Melendugno).]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!