Rubata l’auto dell’assessore al Traffico

La Fiat Multipla di Gianni Peyla rubata sotto casa

Aveva comprato una Multipla perché credeva che non piacesse a nessuno e, dunque, che non gliel’avrebbero mai rubata. E’ invece accaduto qualche notte fa. Ed ora Gianni Peyla, assessore al traffico del Comune di Lecce, pensa di ricomprarne una uguale

Evidentemente non era poi così brutta, la sua Fiat Multipla, se qualcuno gliel’ha rubata, proprio sotto casa. E così Gianni Peyla, assessore al traffico per il Comune di Lecce, si ritrova a dover fare i conti pure con la nostalgia, “perché – dice – è vero che è brutta, ma poi ti ci affezioni”. E infatti ha in mente di ricomprarne una uguale, anche perché quel modello di auto piace tanto al figlio di otto anni, perchè permette di stare seduti in tre anche nei posti anteriori. Sdrammatizza l’accaduto, Peyla, convinto che quello che si è verificato l’altra notte non sia stato un colpo mirato. “Non credo – afferma – cha i ladri abbiano voluto colpire me in particolare. Credo invece che abbiano pescato nel mucchio. Ed è capitato che portassero via proprio la mia Multipla. Così brutta che pensavo nessuno l’avrebbe mai rubata”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!