“Sia fatta verità sui conti del Comune”

L’intervento di Antonio Rotundo sulla situazione economica dell’ente

“Nelle prossime settimane presenterò il bilancio di previsione 2007 a tutta la città, per aprire un confronto sulle principali idee-forza che saranno alla base della nostra proposta”. Così Antonio Rotundo, aspirante primo cittadino di Lecce sulle condizioni finanziarie del capoluogo salentino

di Antonio Rotundo* Come candidato sindaco della città e come cittadino ho seguito con molta attenzione la conferenza stampa di fine anno dell’amministrazione comunale con la quale si è rassicurata la cittadinanza dicendole di stare tranquilla, in quanto il bilancio del Comune è in ordine, il patto di stabilità è rispettato, ed il futuro sindaco troverà una bella eredità e tante risorse da poter investire. Ho stima di Adriana Poli Bortone, ma contrariamente a quel che pensa il suo assessore, non considero “un rigurgito di imbecillità da far accapponare la pelle” le preoccupazioni espresse in questi anni sulla situazione finanziaria del Comune, perché esse scaturiscono da analisi e valutazioni documentate e oggettive; perché hanno trovato conferma anche nel richiamo della Corte dei Conti del mese scorso; perché vengono condivise con argomenti perentori da altri candidati sindaci. Sono preoccupazioni che la conferenza stampa dell’altro giorno non ha fugato ma, semmai, rafforzato. Innanzitutto, per quello che è stato detto, e poi, per quello che si è omesso di dire. E spiego senza tecnicismi gli argomenti che non mi hanno convinto. 1. Si dice che l’indebitamento complessivo del Comune si ridurrà nel prossimo anno di 60 milioni di euro grazie alla vendita di proprietà immobiliari. Da amministratore con qualche anno di esperienza so che quando sei costretto a mettere sul mercato i tuoi beni, le tue case questo è il segno di una difficoltà finanziaria preoccupante. È come un padre di famiglia che riunisce i propri figli e dice loro: “Abbiamo speso troppo, ci sono tanti debiti e dobbiamo vendere per questo motivo le nostre proprietà”. 2. Si dice che il patto di stabilità 2006 è stato rispettato dopo il richiamo della Corte dei Conti, che evidenziava uno sforamento di 11 milioni di euro della spesa, ma non viene spiegato ai cittadini in che modo è stato raggiunto il risultato. Sappiamo che negli ultimi due mesi tutti i dirigenti hanno firmato determine di impegno di spesa poi bloccate. Ciò che è stato forzatamente risparmiato nel 2006 può diventare, per questo, una cambiale da pagare nel 2007. Aspettiamo sul punto il pronunciamento della Corte dei Conti il prossimo marzo. 3. Nulla si dice, poi, circa la situazione debitoria della Lupiae: non viene spiegato ai cittadini come mai si è dovuto attendere il 20 dicembre per l’approvazione del bilancio 2005; a si dice circa la situazione dei conti della società dopo l’approvazione del nuovo piano d’impresa; trapelano notizie circa la messa in liquidazione della società. Tutto lascia presagire che presto della Lupiae si tornerà a parlare mediante il riconoscimento di un debito fuori bilancio di un milione di euro. 4. Nulla si dice, neppure, della situazione debitoria che il Comune ha nei confronti della Sgm che, tra servizi ottenuti e non ancora pagati, Tfr non versato e altre voci ammontano a circa 6 milioni di euro. Un'altra preoccupazione. È sulla base di queste considerazioni che ripropongo al sindaco la necessità di presentare alla città un’operazione verità sui conti del Comune di Lecce: che prescinda da una parte, dalle ricostruzioni del centro sinistra, e dall’altra dalla difesa d’ufficio dell’assessore al ramo. Ci si affidi al lavoro di un organismo terzo, da scegliere insieme, che chiarisca l’effettiva situazione finanziaria del Comune. Comunque è del tutto evidente che, con la conferenza stampa dell’altro giorno, si è definitivamente chiuso un ciclo politico e amministrativo. Ora spetta a noi indicare una diversa e forte prospettiva di crescita e di sviluppo. Un messaggio di futuro, di sviluppo e di speranza. Proprio per questo nelle prossime settimane presenterò il bilancio di previsione 2007 a tutta la città, per aprire un confronto sulle principali idee-forza che saranno alla base della nostra proposta. *candidato sindaco dell'Unione per il Comune di Lecce

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!