Lo Iacp vende. I cittadini ringraziano

La vittoria degli inquilini Iacp, che da oggi possono acquistare la casa dove vivono in affitto

Si è svolta nella soddisfazione generale la riunione del 30 dicembre presso le case popolari di via Firenze a Lecce. Dove Antonio Rotundo, candidato sindaco per l’Unione, ha illustrato la delibera che permette la vendita degli alloggi Iacp

Si respiravano grande partecipazione e visibile entusiasmo tra i numerosi cittadini delle case popolari di via Firenze di Lecce, rione San Sabino (zona 167 A), riunitisi in assemblea nella mattinata del 30 dicembre per accogliere la notizia sul piano delle vendite Iacp da parte di Antonio Rotundo. Il candidato sindaco dell’Unione ha infatti incontrato gli assegnatari delle case popolari di via Firenze, per illustrare il contenuto della delibera della Regione Puglia (datata 28 dicembre 2006) con la quale è stato approvato il piano di vendita degli alloggi Iacp alle famiglie aventi diritto. “Si tratta di una vittoria molto importante – ha dichiarato Rotundo – raggiunta a seguito di una lunga battaglia da parte degli affittuari. Un successo che condividiamo con centinaia di cittadini perché, con l’approvazione da parte della giunta regionale della delibera, viene coronato, dopo anni di attesa, il sogno di tante famiglie di poter acquistare l’alloggio attualmente in fitto”. Assieme a Rotundo, c’era anche l’avvocato Sandra Zappatore, direttore generale dello Iacp di Lecce, che ha sottolineato l’importanza della delibera che darà la possibilità di dare il via alle vendite degli alloggi per circa 200 famiglie nel solo rione San Sabino. “È un impegno mantenuto dalla nuova amministrazione dello Iacp – ha dichiarato Zappatore – che ha lavorato di concerto con l’attuale governo regionale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!