Tante angurie alla nascente Repubblica Salentina!

Separatismo o marketing?

“Giallo nel web” “Sognando una “ribalta” tra problemi e tradizioni” Nuovo Quotidiano di Puglia 28-12-2006 pag 13

Una mail circola nel web svolgendo quella che potremmo chiamare un'indagine di mercato: sostanzialmente chiede a chi la riceve cosa pensa possa essere “repubblica salentina” escludendo attività politico-commerciali e definendo una bandiera ed uno stemma. Quello di oggi non è il primo articolo apparso sull'argomento, ma solo ora si suppone il lancio di un progetto editoriale. Quella che appare come una innocua trovata, o una buona promozione per un nuovo prodotto, potrebbe rivelarsi stimolo per un più grande e glorioso progetto. Sono già diversi anni che pensando a come cambiare lo status-quo sociopolitico giungo sempre alla stessa conclusione: l’unica forza in grado di trasformare la nostra società è l’esempio. Una rinnovata cultura messapica potrebbe svolgere egregiamente questo compito esportando i suoi valori fondamentali. Ovvio bisognerebbe partire scrivendo una nuova costituzione e dei nuovi codici, considerando ogni possibile sviluppo e tenendo ben presente i più alti valori naturali. La questione che offre la massima resistenza è e rimane come gestire la ‘cattiveria’ e le deviazioni umane. Si può comunque sperare che una maggiore distribuzione di giustizia, che implica la distribuzione delle ricchezze, porterebbe ad una situazione migliore. Messapi del futuro, i neo-salentini potrebbero costruire quella società portatrice sana di diversità che renderebbe la globalizzazione qualcosa di utile? Sperare è lecito.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!