La Lupiae cambia testa

Un nuovo corso per la società mista. Tre anni per il cambiamento

Gigi Rizzo, Giorgio Fanelli e Mauro Mazzotta sono i tre uomini nuovi della Lupiae servizi. Chiamati rispettivamente a svolgere il ruolo di presidente, amministratore delegato e membro del CdA. Annunciano che la società si risolleverà. E senza danneggiare i lavoratori. E la Poli approva

Rivoluzione ai vertici della Lupiae servizi, la società mista più discussa degli ultimi tempi. E i nomi nuovi sono tre: Gigi Rizzo, Giorgio Fanelli e Mauro Mazzotta, nominati ieri dall’assemblea dei soci per guidare, nei prossimi tre anni, la società. Che conta oltre 350 dipendenti e bilanci in rosso per il 2006. Gigi Rizzo, capogruppo dell’Udc in consiglio comunale, sarà il presidente della Lupiae, subentrando a Franco De Iaco, dimissionario. E già annuncia il suo impegno perché tutto quadri alla perfezione e perché gli interessi degli occupati vengano tutelati al massimo. Il posto di Gino Siciliano, ex amministratore delegato, verrà occupato da Giorgio Fanelli, poco conosciuto negli ambienti della politica ma ben visto dalla Poli. La terza new entry è Mauro Mazzotta, in quota Forza Italia, che sarà componente del CdA. Ai neoeletti spetterà il compito di guidare il timone della società nelle difficili acque di un bilancio non certamente positivo: un milione e 600mila euro di perdite per il 2005 e un trend negativo per l’anno in corso. “Ma ce la faremo – promettono – e i lavoratori non si toccano”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!