Santa Rosa, Bianco replica

Campo scuola Santa Rosa, Bianco: “Ecco tutta la verità”

Salvatore Bianco, assessore allo sport della giunta comunale guidata da Adriana Poli Bortone, replica al consigliere comunale Salvemini che attacca l’amministrazione in merito alla vicenda campo scuola Santa Rosa

“Non mi meraviglia l’ennesima uscita di Salvemini, impegnato unicamente ad adombrare qualsiasi iniziativa dell’amministrazione comunale ed, in particolare, dell’assessorato allo sport”. Così Salvatore Bianco, assessore allo sport ed al tempo libero del comune di Lecce, risponde alle critiche avanzate dal consigliere comunale Carlo Salvemini all’amministrazione comunale e alle perplessità espresse in ordine alla realizzazione della pista ciclistica nel campo Santa Rosa. “Ci accusa di inefficienza assoluta – continua ancora l’assessore – si chiede addirittura se esiste un assessorato allo sport, parla di spreco di risorse su strutture realizzate con fantomatiche illegittimità. Rispedisco al mittente tutte le accuse mosse nei miei confronti, ivi compresa la mancata risposta a presunte comunicazioni, mai (dico mai!), pervenute né al sottoscritto, né al competente ufficio. Se poi Salvemini cerca, com’è nel suo stile, di creare problemi di immagine alla mia persona, non fa altro che ottenere l’effetto boomerang. Dovrebbe infatti riflettere – afferma convinto Salvatore Bianco – su quanto l’assessorato allo sport ha effettuato e sta effettuando sul territorio comunale da quando al sottoscritto il Sindaco ha assegnato la delega all’impiantistica sportiva, con la realizzazione di strutture idonee a promuovere lo sport leccese, ivi compresa la totale trasformazione di tutto il campo scuola Santa Rosa, a suo tempo pietrificato in situazioni irrisolvibili. E c’è la prospettiva di utilizzare anche l’impianto adiacente della Scuola di Cavalleria, per il quale ancora si pagano i ritardi accumulati in commissione consiliare, di cui il consigliere Salvemini fa parte. Proprio lui è stato promotore di un ulteriore rinvio dell’esame dell’apposito Regolamento, quale atto propedeutico alla formalizzazione della convenzione con la Scuola di Cavalleria, con la quale si sono da tempo instaurati i dovuti rapporti istituzionali. L’Assessorato – spiega ancora Salvatore Bianco – ha fornito informale, ma dettagliata relazione sulla vicenda, con la quale la giunta comunale, per favorire l’avvicinamento allo sport in generale ed al ciclismo in particolare, rendendo polivalente una struttura sottoutilizzata, ha istituito la scuola di ciclismo, assegnando all’uopo degli appositi locali all’interno del campo scuola, come peraltro avvenuto per il centro di medicina dello sport, e come avverrà per il comitato provinciale Fidal di atletica leggera, sempre per dare esaustive risposte alle sempre più crescenti richieste di genitori e cittadini che non vogliono rischiare di vedere i propri figli sulla strada e sempre per la polivalenza del campo. E’ ovvio che, una volta istituita la scuola di ciclismo, occorreva dare gli strumenti per il suo utilizzo. Difatti, la giunta municipale ha approvato un percorso, – dichiara concludendo l’assessore Bianco – fornito dalla stessa scuola, realizzato a totale cura e spese della Federazione Ciclistica Italiana. Tale realizzazione, peraltro, consistente in semplici movimenti di terra senza alcuna opera muraria o cementizia, integra il percorso della salute, senza impedirne la fruibilità, anzi rendendolo più articolato sotto il profilo altimetrico, come peraltro più volte richiesto da tutti i fruitori del Campo Scuola”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!