Ritorna l’Alba dei Popoli

Sabato 16 dicembre l’apertura della rassegna culturale con la mostra “la sapienza e l’infinito. L’albero della vita nel mosaico di Otranto”

“La Sapienza e l’Infinito. L’albero della vita nel mosaico di Otranto”, è il titolo della mostra che inaugura “Alba dei Popoli” contenitore di appuntamenti culturali, incontri e spettacoli che coinvolgeranno l’intero territorio salentino

L’appuntamento è per sabato 16 dicembre alle ore 16 a Muro leccese nel palazzo del Principe dove Marcello Tempesta dell’Università di Lecce, curatore della mostra, e Giovanni Pellegrino, presidente della provincia di Lecce, daranno il via alla serie degli eventi e degli incontri. Saranno inoltre presenti, Omar Massalha, palestinese, direttore delle relazioni internazionali dell’UNESCO, le autorità politiche locali e i sindaci dei comuni dell’Unione “Terre d’Oriente”. La rassegna culturale “Alba dei Popoli” è condotta congiuntamente dalla provincia di Lecce, dall’istituto di culture mediterranee della provincia di Lecce, dal Comune di Otranto e, quest’anno, anche dall’Unione di Comuni “Terre d’Oriente” costituita tra i Comuni di Poggiardo, Otranto, Muro Leccese, Uggiano La Chiesa e Giurdignano. La manifestazione, che si ripete dal 2000 per celebrare l’arrivo dell’anno nuovo, prende spunto dalla forza simbolica esercitata dal “primo sorriso del sole” del nuovo anno all’Italia e, in particolare, alla Puglia ed al Salento, in quanto la luce, giungendo da oriente, illumina per prima questa frontiera dell’Europa. “Alba dei Popoli” ospita la rassegna delle tradizioni, della cultura popolare, delle espressioni artistiche dei popoli del Mediterraneo ed ha, quest’anno, come filo conduttore il dialogo con i Paesi islamici ed il mondo arabo con l’obiettivo di approfondire le comuni radici culturali per un confronto costruttivo di idee e opinioni. Cultura, religione, politica e ambiente sono i temi intorno ai quali si svilupperanno i diversi momenti di riflessione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!