Più sole per le piscine

L’importante ruolo della Provincia nel progetto della Comunità Europea

La Provincia di Lecce partecipa con 112.956 euro al progetto comunitario “Solpool”, che incrementa l’utilizzo di energia solare per il riscaldamento di piscine all’aperto. Una tecnica ancora poco usata nel territorio salentino

Anche la Provincia di Lecce, presieduta da Giovanni Pellegrino, parteciperà al progetto comunitario denominato “Solpool”, finalizzato ad incrementare l’utilizzo dell’energia solare per il riscaldamento delle piscine all’aperto. Questa tecnologia, già commercialmente matura e largamente utilizzata in altri paesi europei, è, invece, quasi del tutto trascurata in un territorio fortemente soleggiato come quello salentino. I destinatari del progetto sono i proprietari delle piscine all’aperto, gli installatori degli impianti di riscaldamento e degli impianti solari termici, le amministrazioni locali, i fornitori ed i produttori di sistemi solari termici e delle relative apparecchiature. Le attività previste sono la ricerca e l’esame delle tecnologie disponibili, lo sviluppo di procedure per il dimensionamento degli impianti, l’analisi e la misurazione delle condizioni ambientali, la realizzazione di workshop e seminari, la realizzazione e distribuzione di materiale informativo sulle “buone pratiche”, la realizzazione di un sito web e di una lista di progettisti ed installatori specializzati. Il progetto comporta una complessiva spesa di 1.078.028 euro ed è finanziato per il 50 per cento (pari a 539.014 euro) dalla Comunità Europea. La Provincia di Lecce partecipa con una somma di 112.956 euro. Questa avrà un ruolo fondamentale, perchè sarà responsabile della preparazione del materiale informativo destinato ai proprietari delle piscine ed agli operatori del settore e della realizzazione del sito web. Il progetto, partito il primo novembre scorso, si concluderà nell’aprile del 2009.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!