Lavori in corso all’alberghiero di Santa Cesarea

Istituto alberghiero di Santa Cesarea Terme: appaltati i lavori di completamento del terzo lotto per 1.700.000 euro

La provincia di Lecce ha appaltato i lavori per il completamento del 3° lotto dell’istituto professionale alberghiero di Santa Cesarea Terme. Ad aggiudicarseli la ditta Miglietta Leonardo di Trepuzzi

Presto inizieranno i lavori all’istituto alberghiero di Santa Cesarea Terme per il completamento del terzo lotto. I lavori in oggetto per un importo di 1.742.788 euro, interesseranno la realizzazione di 15 aule e di un’unica sala per esercitazioni pratiche su due livelli. In fase di progettazione esecutiva si è riesaminato il progetto strutturale originariamente redatto per l’intero plesso, per soddisfare al meglio le esigenze manifestate dal corpo docente dello stesso. Le aule si realizzeranno in alternativa ai laboratori previsti ed in numero maggiore; la sala mensa e la sala per esercitazioni sono state ricavate all’interno di un unico volume. Non prevedendo più la realizzazione di laboratori, dunque, il corpo delle aule lascerà libero uno spazio retrostante maggiore, ed a parità di superficie si realizzerà un numero superiore di aule. Lo spazio a piano terra sarà destinato a sala mensa-esercitazioni, poiché l’organizzazione didattica dell’istituto professionale alberghiero prevede che il servizio mensa sia l’occasione per svolgere esercitazioni didattiche. La possibilità di utilizzare la sala mensa-esercitazioni anche per servizi da fornire ad utenze esterne ha determinato la realizzazione al livello superiore di un ulteriore sala collegata con un percorso alle aule per la didattica e con due scale interne alla sottostante sala. L’imminente realizzazione di questi lavori va ad aggiungersi all’approvazione da parte della giunta provinciale, nella seduta del 29 novembre scorso, del progetto definitivo dei lavori di completamento del 4° lotto dell’Istituto Alberghiero per un importo complessivo di 2.500.000 euro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!