Medi&Co. La medicina via pc

Per guarire basta un computer

Tra pazienti e medici di famiglia c’è un nuovo modo di dialogare. Si chiama Medi&Co: un software che permette di avere risposte, in ambito medico, in tempo reale

di Flavia Serravezza Arriva a Lecce una nuova finestra di dialogo tra pazienti e medici di famiglia. Niente più file agli sportelli, però, perché si tratta di un software a disposizione dei medici di Medicina generale per gestire lo stato di salute dei propri pazienti, fornendo loro risposte in tempo reale. Il programma è dedicato alle principali patologie che interessano la popolazione pugliese e consentirà ai medici, ad esempio, di interpretare i valori di un’analisi di laboratorio o di valutare determinati parametri diagnostici. Il progetto Medi&Co (Medicina e Computer) che coinvolge diversi medici di famiglia della provincia di Lecce, è organizzato dalla segreteria provinciale della Fimmg (Federazione italiana medici di Medicina generale) in collaborazione con Pfizer Italia. “Questo software – dice Luigi Pepe, segretario provinciale della Fimmg di Lecce – contiene informazioni relative alla gestione delle epatiti A e B e dei biomarcatori tumorali e consente anche di verificare se un paziente è a rischio di malattie cardiovascolare. Inserendo alcuni parametri come l’altezza, il peso e il polso, infatti, il programma permette di identificare in tempo reale il livello di rischio del paziente e quindi consente al medico di predisporre il miglior percorso di cura”. I medici di famiglia coinvolti hanno ricevuto un aggiornamento scientifico sulle principali patologie (cardiovascolari, oncologiche, infettive) e una sessione pratica sull’utilizzo dell’applicativo informatico.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!