Notte della Taranta. È fondazione

Firnato l'atto di nascita della

19 voti favorevoli e sei astenuti. E' nata in consiglio provinciale la fondazione “Notte della Taranta”, patrimonio di partenza 200mila euro, che coinvolgerà, oltre alla Provincia, anche la Regione Puglia, l'Unione dei Comuni della Grecìa Salentina e l'istituto Diego Carpitella

Con l’approvazione dello schema di statuto il consiglio provinciale ha dato il via alla costituzione della fondazione “La Notte della Taranta”. L’iniziativa, illustrata dal presidente Giovanni Pellegrino, coinvolgerà, oltre alla Provincia di Lecce, la Regione Puglia, che ha già adottato lo schema di statuto, l’Unione dei Comuni della Grecia Salentina, l’Istituto Diego Carpitella. La Fondazione avrà un patrimonio di partenza di 200mila euro costituito da soci fondatori o da altri soci ammessi a partecipare alla Fondazione. Dopo un ampio dibattito, da cui sono emerse le finalità della “Fondazione” rivolte alla valorizzazione delle manifestazioni culturali, in ambito musicale e sociale, e più in particolare allo sviluppo della ricerca culturale sul fenomeno del tarantismo e delle tradizioni locali salentine, il Consiglio ha approvato lo statuto a maggioranza, con 19 voti favorevoli e l’astensione dei sei consiglieri di opposizione. Con il medesimo provvedimento il Consiglio si è espresso su due ordini del giorno: il primo presentato dal consigliere Donato Margarito, riguardante la costituzione di un Centro di documentazione dotato di un archivio multimediale e sonoro della cultura salentina di tradizione orale e sul patrimonio etno-musicale ed etno-coreutico, nonchè una biblioteca tematico e storico sul tarantismo; l’altro a firma del consigliere Pasquale Gaetani, con la Provincia s’impegna a dare dignità alla tradizionale “Danza delle Spade” e a valorizzarla nell’ambito delle manifestazioni che promuovono l’identità salentina.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!