Cerfeda in Tribunale

Le dichiarazioni del boss

Ha raccontato per sette ore di fila come ha portato a compimento gli omicidi di cui si è macchiato. Coperto, per ragioni di sicurezza da un separè che lo rendeva visibile solo ai giudici

Protetto da un separè metallico che consentiva solo alla Corte d’Assise di vederlo in faccia, l’ex boss e collaboratore di giustizia Filippo Cerfeda ieri era in tribunale per raccontare come aveva messo a punto i suoi crimini. Ed ha parlato per oltre sette ore di fila dei tre omicidi e degli altrettanti tentati omicidi di cui si è macchiato. In aula c’era anche Franco Vincenti, detto Maciste, ma nei suoi confronti non sono state adottate le stesse misure di sicurezza. L’udienza è stata seguita in videoconferenza dagli altri cinque pentiti le cui dichiarazioni hanno contribuito a far finire sul banco degli imputati otto ex compagni di malavita. E anche Claudio Vincenti, uno degli accusati, ha seguito le dichiarazioni di Cerfeda tramite collegamento video. Cerfeda ora dovrebbe tornare nella località protetta dove ha ottenuto gli arresti domiciliari; negli ultimi giorni è stato in un’aula bunker per un altro processo di mafia ed in Corte d’Assise come accusatore degli imputati per riciclaggio aggravato dall’agevolazione dell’associazione mafiosa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!