E' crisi?

Migliora il gioco del Lecce ma non il risultato, forse perché l'errore è sempre lo stesso: la distrazione

Il Lecce perde per 2 a 1 il recupero infrasettimanale contro il Frosinone. Adesso sì che si inizia a guardare seriamente la classifica, anche perché sembrano cambiate le prospettive dei giallorossi

Il recupero infrasettimanale non porta bene al Lecce. Mettiamola così, diamo la colpa alla Dea bendata, che proprio a causa dei problemi di vista non ha centrato il bersaglio. Facciamo così per oggi, perché i nervi scoperti potrebbero giocare brutti scherzi e rimandiamo a domani un’analisi più seria e soprattutto più oggettiva di quanto potrebbe essere oggi. Lasciamo che a parlare siano i diretti interessati. Così mister Zeman al termine dell’incontro: “In questa partita credo che i miei siano stati traditi dall'aver affrontato gli avversari con un po' di presunzione. Non si può pensare di dare lezioni di calcio”. Il tecnico boemo continua: “Nel primo tempo eravamo riusciti a mettere in difficoltà il Frosinone mentre nella ripresa è cambiato l’atteggiamento della mia squadra, bisogna giocare concentrati dal primo all’ultimo minuto senza concedere a all’avversario e senza concederci pause”. Alle sue parole fanno eco quelle del capitano giallorosso, il quale cobferma che la squadra ha giocato un buon primo tempo mentre nella ripresa avrebbero dovuto affrontare gli avversari in modo più energico e fisico, infine il centrocampista uruguaiano ha concluso con un commento sulle prospettive del Lecce: “Dobbiamo iniziare a pensare partita per partita, possiamo uscire da questa situazione di stallo l’importante è non commettere più certe disattenzioni che paghiamo a caro prezzo”. Se può essere di conforto, sono state lusinghiere le parole del mister frusinate, Iacone: “Abbiamo disputato una buona gara e abbiamo portato a casa i tre punti. E’ stato comunque difficile visto come si erano messe le cose e visto che di fronte avevamo un grande squadra che sa giocare bene al calcio”. Intanto i giallorossi riprendono questo pomeriggio gli allenamenti presso il Centro sportivo Le Caselle, in vista dell’incontro di sabato contro l’Arezzo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!