11 novembre per San Martino

E’ San Martino in tutto il Salento. Ma a Taviano di più

Il culto del santo a Taviano è attestato fin dal 1452. Un inventario delle chiese della città risalente a quella data registra, infatti, la chiesa di San Martino come la più ricca

L’11 novembre è festa grande in tutti centri del Salento. Ma in uno in modo particolare. Taviano. Che in quel giorno onora il suo santo protettore, San Martino di Tours. L’inizio della venerazione del santo può essere datata 8 maggio 1452. In questo giorno, infatti, si svolse a Taviano la visita pastorale del vescovo Ludovico De Pennis, e in quella circostanza fu redatto l'inventario delle chiese locali e dei beni mobili e immobili ad esse appartenenti. A quell'epoca le chiese inventariate erano quattro: San Martino, Sant'Antonio, San Giuliano e San Nicola. La chiesa di San Martino era già elevata a chiesa Matrice e risultava la più ricca delle quattro; questo fa ipotizzare che San Martino fosse già patrono di Taviano. La chiesa matrice della città di Taviano conserva una statua del santo di Tours, realizzata in legno e cartapesta; San Martino vi compare a mezzo busto, in vesti vescovili, con mitria e pastorale, il volto asceticamente illuminato, e in atto di compiere un solenne gesto benedicente. Ultimamente la chiesa si è arricchita di una grande tela raffigurante S. Martino a cavallo, nel celebratissimo gesto del dono del mantello al mendicante.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!