Più sicurezza nelle zone a rischio

Accolte le indicazioni di Adriana Poli Bortone, vicepresidente Anci

Il primo rapporto sullo stato di attuazione del Programma Nazionale di Riforma 2006/08 comprenderà alcuni interventi sul tema della sicurezza, specificamente indicati da Adriana Poli Bortone, vice presidente vicario dell’Anci

Il primo rapporto sullo stato di attuazione del Programma Nazionale di Riforma 2006/2008 includerà interventi mirati alla sicurezza in zone, generalmente indicate come rischiose. Si tratta, nel dettaglio, di interventi per la videosorveglianza nelle zone a dei centri urbani ed in particolare dei centri storici, nelle zone di accesso alle aree industriali, sulla rete ferroviaria e nelle principali stazioni. Ed ancora, ulteriori iniziative con riferimento alle strade esterne ai centri urbani ed agli stadi. “Sono lieta – sottolinea Adriana Poli Bortone – che in questi giorni sta partecipando ai lavori della XXIII Assemblea annuale dell’Anci in corso a Bastia Umbra (Perugia) – che Alessandro Paino, sottosegretario agli Interni, abbia inserito su mia indicazione questi interventi. In tal modo, attraverso i Pon Sicurezza, i Comuni potranno avere notevoli risorse finanziarie. In oltre – prosegue il primo cittadino di Lecce – le amministrazioni comunali sono sempre più interessate al problema della sicurezza e, per esempio, – conclude Adriana poli Bortone – non hanno risorse proprie disponibili per intervenire rapidamente a garanzia della sicurezza negli stadi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!