Arrivano gli alabardati

La Triestina viene a Lecce per riscattare la sconfitta contro al Vecchia Signora

I ragazzi di mister Agostinelli sono in cerca del riscatto, ma quelli di mister Zeman hanno tutte le intenzioni di spezzare la serie nera ed iniziare a scalare la classifica. Dunque sulla carta la gara si prevede emozionante

Si fanno sempre più intense e impegnative le gare per il Lecce il cui cammino, in questa fase del campionato, appare senza dubbio in salita. Sabato prossimo al Via del Mare incontrerà una Triestina molto ma molto decisa a riscattare la passata gara con la Juventus persa per 1 a 0 e per la quale i triestini rivendicano un gol anato, con la rabbia di chi ritiene ingiusto il risultato finale a fronte di una buona prestazione. D'altra parte il Lecce deve cogliere il favore del campo amico per cercare di uscire dalla serie nera in cui si è infilato e deve cercare di uscirne. Da un lato mister Agostinelli deve fare a meno del centrocampista Marchini, squalificato nella gara contro i bianconeri e quindi fermato per un turno, ed intanto scaldano i motori sia Rossetti che Gorgone. Stessa sorte anche per mister Zeman che deve obbligatoriamente rinunciare a Rullo (per le stesse motivazioni di Marchini) e Polenghi si dichiara pronto a sostituirlo. I giallorossi incontreranno in questa gara gli ex Abruzzese e Pivotto avendo in rosa l’ex alabardato Tulli. Al Via del Mare le due squadre si sono incontrate già sei volte sempre in serie B ed i salentini hanno rimediato una vittoria, tre pareggi ed una sconfitta. Date le premesse e tralasciando la statistica il risultato dovrebbe essere una gara combattuta ed emozionante, questo insieme ai punti, per i tifosi giallorossi sarebbe il massimo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!