E adesso cosa si fa?

La seconda sconfitta del Lecce inizia a sollevare molti quesiti. O dubbi?

Il Lecce gioca male e perde, gioca bene e perde: dove sarà la soluzione a questo enigma?

Lecce-Rimini: i giallorossi giocano male e perdono. Modena-Lecce: i giallorossi giocano bene (stando a quanto afferma Zeman) e perdono. Dunque, cosa si fa adesso? Qual è la soluzione per uscire da questo momento non favorevole? Sicuramente, non bisogna farne un dramma, non dobbiamo iniziare a strapparci i capelli. Certo, da parte nostra possiamo tentare di soddisfare la richiesta avanzata a tutta l’opinione pubblica e sarebbe, quella di non contribuire a creare un clima avverso, di sostenere invece la squadra, in questo momento. L’impegno possiamo anche garantirlo, ma tutto dipende dalla pazienza che ognuno di noi dimostrerà di avere. Fino a quando e fino a che punto saremo capaci di accontentarci di una buona prestazione e zero punti? Di quest’ultima gara a mister Zeman è piaciuta, appunto, la prestazione dei suoi ragazzi, il “solo” problema è stato il gol: già, perché questa squadra non riesce a finalizzare? Mancherà forse la giusta cattiveria sotto porta? E’ dunque una questione d’età o di schemi o di preparazione? E’ ancora presto per esprimere un giudizio definitivo in merito, ma siamo ancora in tempo per porci domande in attesa di un futuro prossimo (che significa “prestissimo”) in cui dovremo avere delle risposte che, con il cuore, ci auguriamo favorevoli e soprattutto fruttuose in termini di punti-campionato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!