Università e studenti: 150 ore insieme

L’Ateneo salentino pubblica il bando di concorso

Saranno attivati presso l’Università di Lecce 840 contratti di collaborazione con gli studenti ognuno della durata di 150 ore complessive. Tempo fino al 14 novembre per presentare domanda

L’Università di Lecce ha pubblicato il bando di concorso per l’attivazione di 840 contratti di collaborazione con gli studenti per lo svolgimento di attività connesse ai servizi generali, amministrativi e di biblioteca. Ciascun contratto comporta un’attività di 150 ore complessive da ripartirsi secondo le esigenze della struttura presso la quale dovrà essere svolto il servizio in moduli non superiori a tre ore per giorno e da completarsi entro il 31 dicembre dell’anno successivo. La scelta della struttura dove svolgere l’attività prevista dal contratto di collaborazione viene effettuata dagli studenti vincitori sulla base della graduatoria finale del concorso. Possono partecipare al concorso gli studenti che al momento della presentazione della domanda siano regolarmente iscritti ai corsi di laurea triennale e ai corsi di laurea del vecchio ordinamento (dal secondo anno e fino al primo anno fuori corso), e gli studenti iscritti ai corsi di laurea specialistica. Il corrispettivo per ciascuna collaborazione ammonta a mille euro. Il termine ultimo per la presentazione delle domande di partecipazione al bando, che dovranno essere compilate seguendo la procedura guidata on-line sull’apposito modello pubblicato sul portale degli studenti all’indirizzo http://studenti.unile.it, è martedì 14 novembre. Per ulteriori informazioni e per consultare il bando è possibile consultare il sito internet www.unile.it (pagina Bandi & Concorsi).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!