Salento in treno e in bus. Oggi il bilancio

La Provincia rende noti i pro e i contro della combinazione ferro-gomma

Giuseppe Merico, assessore provinciale ai Trasporti, e Stefano Zampino, dirigente del servizio Trasporti e Mobilità, renderanno oggi noti i risultati raggiunti dal servizio provinciale “Salento in Treno e in Bus 2006”. E tracceranno le linee guida per lo sviluppo futuro dei trasporti nel territorio salentino

Muoversi per il Salento a bordo di treno e autobus. Esperienza da bocciare o da ripetere senza esitazione? Lo sapremo presto. Verranno resi noti oggi, infatti, i risultati conseguiti da “Salento in Treno e Bus 2006”, il servizio di trasporto pubblico organizzato per la scorsa estate dalla Provincia di Lecce. All’incontro con i giornalisti, che si svolgerà alle ore 11, interverrà Giuseppe Merico, assessore provinciale ai Trasporti, e Stefano Zampino, dirigente del Servizio Trasporti e Mobilità, che con i funzionari ha realizzato e gestito il progetto. L’incontro costituirà occasione per tracciare un bilancio relativo al sistema di servizi realizzato dalla Provincia nell’estate 2006, alla luce delle rilevanti innovazioni riguardanti in particolare l’integrazione ferro-gomma, la strutturazione dei servizi in linee rapide e linee “adduttrici”, la comunicazione e informazione integrata su tutti i servizi estivi ordinari e rapidi, lo sviluppo di servizi speciali di rilevanza territoriale in occasione della “Notte della Taranta”. Nell’occasione verranno anche indicate le linee guida future che l’assessorato ai Trasporti della Provincia intende sviluppare per migliorare i servizi di trasporto sul territorio salentino.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!