Niente più conflitti: arriva il conciliatore

Conciliazione, un’alternativa alle vie legali

Tante le controversie tra le imprese e tra queste ed i consumatori risolte pacificamente dal Servizio di Conciliazione della Camera di Commercio di Lecce: una soluzione imparziale ed immediata, soddisfacente per entrambe le parti in causa

La complessità dei rapporti commerciali spesso determina la nascita di conflitti tra imprese o tra imprese e consumatori, che richiedono soluzioni rapide, poco dispendiose, sicure, in grado di mantenere vive nel tempo le relazioni ed i rapporti commerciali tra le imprese che agiscono sul medesimo settore o nella stessa area geografica, e, d’altro canto, che consentano ai consumatori di ottenere la necessaria tutela anche rispetto alle controversie di valore esiguo. Scegliere la strada della conciliazione vuol dire fare ricorso ad uno strumento più veloce e flessibile rispetto alle forme più comuni di contenzioso, utilizzando un tracciato più diretto, che da un conflitto può portare ad un accordo soddisfacente per le parti. Una via alternativa alla giustizia ordinaria. La Camera di Commercio di Lecce offre un servizio di Conciliazione e di consulenza fornita da funzionari dedicati e professionisti competenti, con procedure rapide ed economiche. Il numero dei casi risolti è sempre maggiore. Il conciliatore, che è una figura terza, punta ad ottenere la soddisfazione delle due parti con un approccio moderno che utilizza l’imparzialità e privilegia il buon senso, aiutandole a mettere a fuoco il conflitto da tutte le prospettive per trovare una soluzione, anche diversa da quelle ipotizzate in partenza. Sia le imprese che i consumatori possono rivolgersi al servizio di conciliazione attivo presso la Camera di Commercio di Lecce (telefono 0832.684262; 0832.684263; fax 0832.684240), per tentare di porre fine alla controversia, grazie all’intervento di un terzo, indipendente ed imparziale, che renda più semplice la possibilità di una soluzione amichevole.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!