I Lions per l’energia alternativa

Una visita per conoscere e apprezzare il valore dell’energia alternativa

Il 14 ottobre scorso, l’Enel ha ospitato presso la Centrale Termoelettrica “Federico II” di Brindisi i soci del Lions Club Lecce Host

Per un’intera giornata Piero Barlabà e Giancarlo Picariello, responsabili Enel della Centrale Termoelettrica “Federico II” di Brindisi, hanno parlato con gli 80 ospiti, soci del Lions Club Lecce Host, soprattutto di temi ambientali, illustrando quali sono modalità e tecniche di tutela del patrimonio ambientale, nonché le avanzate tecnologie adottate dall’impianto termoelettrico brindisino per produrre energia elettrica. Si è discusso, inoltre, sul valore dell’energia e sulla necessità di coniugare tutela dell’ambiente e sviluppo energetico. La delegazione del Lions era composta, tra gli altri, da Nicola Viti, presidente dell’associazione, accompagnato da Letizia Babbo Loco, segretaria, Guglielmo Fazzi, tesoriere e Gennaro L'Abbate, cerimoniere. Una visita particolarmente accurata è stata effettuata nei punti nevralgici della Centrale, dal nastro trasportatore al parco carbone, scarico delle acque a mare, sala macchine, impianti di ambientalizzazione e di abbattimento degli inquinanti. Particolarmente apprezzata è stata la volontà e la capacità della Centrale “Federico II” di conciliare l’esigenza di produrre elettricità a costi competitivi con il costante miglioramento dell’ambiente. Enel è infatti fortemente impegnata, anche a Brindisi, con investimenti finalizzati alla ricerca e all’innovazione per ridurre l’impatto ambientale delle sue centrali.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!