Funghi, quali si

Parte il 18 ottobre il corso gratuito organizzato dalla Asl/Lecce1 per imparare a conoscere i funghi commestibili

Partirà il 18 ottobre prossimo il primo corso per conseguire l’idoneità nell’identificare le specie di funghi commestibili e non, organizzato dal Centro di controllo Micologico del Dipartimento di Prevenzione dell’Asl/Lecce 1

L’Azienda Asl/Lecce 1, nell’ambito del Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione diretto da Roberto Carlà, ha istituito un Centro di controllo micologico di cui è referente Biagio Galante e ne fanno parte i micologi Franco Signore e Rocco Venece. A seguito di una recente modifica della legge regionale in materia di raccolta di funghi spontanei, il Centro ha provveduto ad organizzare corsi di micologia di base, al fine di tutelare la salute pubblica e per conservare negli ecosistemi vegetali i benefici derivanti dalla presenza delle specie funginee difendendo la propagazione ed evitando la distruzione della specie. Ad ogni corso è ammesso un numero massimo di 25 partecipanti. Docenti del corso saranno un medico e due ispettori micologi. La durata è articolata su 4/5 giorni di lezione, per un totale di 14 ore. La frequenza è obbligatoria e le eventuali assenze non devono superare il 20% delle ore totali del corso. AL termine è previsto un esame finale consistente in una prova scritta a quiz, necessari per il rilascio dell’attestato. Il programma del corso consentirà di affrontare temi quali :la biologia dei funghi, cenni di ecologia, le intossicazioni da funghi e una conoscenza di base dei principali funghi velenosi, i modi per una corretta raccolta, cenni di morfologia, cenni di sistematica ed approccio alla determinazione evidente. I corsi si svolgeranno presso il polo formativo di Via Maglietta 5. Sono in programmazione altre date per i successivi corsi. Per tutte le informazioni del caso bisognerà rivolgersi alla sede del centro in Via Don Minzioni 6/8 tel. 0832/215392.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!