Esperti in informatica cercansi

Conoscenza informatica gratuita per gli studenti del settore turistico e ristorativo

L’istituto alberghiero di Otranto cerca ,nell’ambito del PON “Competenza multimediale e interazione telematica”, esperti in informatica ed in analisi qualitativa di processo e valutazione del progetto

L’Istituto Professionale di Stato per i Servizi Alberghieri, della Ristorazione e per il Turismo di Otranto nell’ambito del PON “Competenza multimediale e interazione telematica”cerca esperti in informatica e tecnologia multimediale, in possesso di laurea in informatica o docente in possesso di attestato di competenze di informatica ed esperti in analisi qualitativa di processo e valutazione del progetto. Si tratta di un percorso formativo gratuito, finanziato dall’Unione Europea coordinato da Ivana Murrieri, dirigente scolastico, e da Giuseppe Dolce, docente referente. Ha una durata di 50 ore ed è diretto a 15 alunni delle classi del settore Turistico e ristorativi dell’istituto professionale di Otranto. Alla fine del corso sarà rilasciato un attestato di frequenza. La valutazione/certificazione analitica delle competenze acquisite rilasciata dall’Istituto servirà come credito formativo sia per il sistema scolastico che per il sistema della formazione professionale o del mercato del lavoro. Il progetto vuole formare i ragazzi ai nuovi linguaggi attraverso il graduale sviluppo di competenze informatiche di base, di elaborazione testuale, di produzione multimediale e di comunicazione telematica ed ampliare le opportunità di scambio interculturale di mobilità occupazionale sul mercato UE attraverso il “dialogo a distanza” di matrice telematica”. Per maggiori informazioni e per comunicare l’eventuale disponibilità, gli interessati possono inviare il curriculum vitae (in formato europeo debitamente firmato e datato),entro il 15 ottobre alla segreteria dell’IPSSART di Otranto, in via S. Francesco di Paola, 1. tel. 0836801660; fax 0836 802002; email : [email protected]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!